spacer.png, 0 kB

Menu principale

Home
Cerca
Documenti
chi siamo

in quanti...


spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home
Domanda di informazione e formazione: vettori di cambiamento PDF Stampa E-mail
 

Scritto da Fabiano Corsini, 21-07-2010 08:46

Visite : 6612    

Pubblicato in : Risorse Umane, formazione


Non è certamente in discussione la necessità di una profonda riforma del lavoro pubblico e interessano relativamente gli specifici dispositivi delle novità legislative su questa materia. Quello che più interessa è ribadire che sulla mera applicazione passiva dei dispositivi di Legge non si può fondare un processo autentico di riforma, che sia capace di rafforzare rapporti positivi tra le amministrazioni pubbliche e i cittadini. Un processo che sia in grado di coinvolgere i dipendenti, le grandi risorse umane e professionali di cui le amministrazioni dispongono e sulle quali possono e devono contare. E’ invece importante che siano contrastati i processi che tendono a marginalizzazione la funzione pubblica e, nell’ambito di questa, il ruolo delle risorse umane. Per questo, gli enti locali possono mettere in campo una propria strategia, costruita sul terreno stesso della riforma, mettendo al centro la valorizzazione delle risorse umane, delle persone e delle competenze dalle quali dipendono il successo delle loro iniziative e la qualità dei servizi che vengono erogati.


La rete della Funzione Pubblica locale dispone di importanti risorse. Ci sono aree grandissime del Paese  dove negli enti locali non si registrano sprechi ed inefficienze macroscopiche e strutturali; tuttavia l’obiettivo di una nuova funzione pubblica, ancora più efficiente e capace di sostenere e incoraggiare lo sviluppo della società è uno degli impegni principali per  tutte le amministrazioni del territorio, anche per quelle che funzionano meglio

Oggi c’è la necessità di mettere in campo iniziative volte a rafforzare questi elementi virtuosi,  aiutando gli enti a costruire reti di buone pratiche, per la “riorganizzazione” secondo modelli informati alla misurazione delle performances, alla meritocrazia e, nel contempo, alla “condivisione” ed al benessere organizzativo.

 

Il quadro generale della evoluzione delle competenze in rapporto alle dinamiche organizzative della funzione pubblica locale,  necessita  probabilmente di essere verificato ed aggiornato. Il nostro Laboratorio cercherà in  un futuro vicino di dare un contributo in questa direzione, dedicando  specifica attenzione progettuale a questo tema.

 

Fino da ora di impone comunque l’attenzione su  alcuni fatti che costituiscono a tutti gli effetti “fattori” di mutamento nei processi che definiscono i bisogni di formazione. Vogliamo citare:

 

1

Il tema della c.d. “Riforma del Lavoro Pubblico”, che noi abbiamo riconsiderato in un processo che mira non tanto alla mera applicazione passiva della Legge “Brunetta”, quanto ad attivare iniziative di “riorganizzazione” secondo modelli informati alla misurazione delle performances, alla meritocrazia e, nel contempo, alla “condivisione” ed al benessere organizzativo, integrando le acquisizione teoriche e osservando i principi dispositive della legislazione in tema di prevenzione dello stress lavoro correlato.

 

2

Il tema della riorganizzazione della funzione pubblica locale nell’ordinamento della Repubblica: tenendo dunque conto di quanto emerge nella “dorsale riformatrice” riconducibile al tema del federalismo, per un verso, e , per un altro, alla riformulazione del c.d. Codice delle Autonomie Locali. Una particolare attenzione meritano  il tema del ruolo delle Province e quello del superamento degli ambiti micro-comunali per le competenze fondamentali assegnate dalla Legge.

 

3

 

Il tema della riorganizzazione funzionale della pubblica amministrazione e della gestione dei servizi, conseguente alla “dorsale riformatrice” che riordina le società partecipate, presidia il tema della concorrenza, della protezione del consumatore,  disegna nuove modalità di corporate governance per l’ente locale nel sistema delle aziende partecipate.

 

4

 

Il tema del rapporto cittadino-pubblica amministrazione, ora dominato dall’impatto innovativo prodotto dalla approvazione del D. Lgvo 2 luglio 2010 n. 104 (Nuovo Codice del Processo Amministrativo).

 

L’attenzione a questi 4 vettori di cambiamento focalizzerà il nostro lavoro, già a partire dalla ripresa di settembre.


Ultimo aggiornamento : 31-01-2011 09:51

   
Riporta questo articolo sul tuo sito
Stampa
Spedisci a un amico

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valutazione utenti

   (0 voto)

 


Aggiungi il tuo commento
Nome
E-mail
Titolo  
 
Commento
 
Caratteri rimasti: 600
   Avvisami per email quando saranno inseriti altri commenti
   
   

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.6 DIGO -  © 2007-2019 - visualclinic.fr - Licenza Creative Commons
Distribuito da FIUH.it - Alcuni diritti riservati
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB