spacer.png, 0 kB

Menu principale

Home
Cerca
Documenti
chi siamo

in quanti...


spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home
Province e torta coi Bischeri PDF Stampa E-mail
 

Scritto da Laboratorioentilocali, 30-09-2012 21:10

Visite : 1181533    

Pubblicato in : organizzazione, in generale



L'impoverimento della politica è ormai così avanzato, che non dobbiamo stupirci se a fronte di un processo di riorganizzazione della funzione pubblica condotto con modalità caotiche e senza più saldi riferimenti ad un organico imianto compatibile con la costituzione, l'attivismo degli amministratori li apinge a ricercare il consenso inseguendo la piazza, per riproporre il tema della supremazia di questa o quella città ai fini della attribuzione del ruolo di capluogo. Successe tanti anni fa a reggio calabria, e fu una vera e propria insurrezione. Succede, un po' riproponendo il classico schema da tragedia a farsa, anche nella civilissima toscana, dove sindaci compassati eredi della seria tradizione comunista ingaggiano virulente proteste, al segno dell'orgoglio e richiamando antiche tradizioni guerriere.

 

Il governo ha in qualche modo decretato la soppressione delle Province; la maggioranza che lo sostiene ha approvato in Parlamento leggi per le quali saranno costituiti enti nuovi, territorialmente più vasti, ma senza una rappresentanza politica elettiva. Non è chiaro quali funzioni transiteranno verso i nuovi enti, è chiaro invece che molte funzioni, formalmente attribuite a Regioni e Comuni, non saranno più svolte da nessuno. In questo scorcio di vicenda “ditransizione2, le Province sono state finanziariamente strangolate. Ai nuovi enti non potranno essere trasferite funzioni, semplicemente perchè non ci sono più i finanziamenti. Meno funzioni pubbliche locali, comunità che dunque sono e saranno più povere. Si faranno meno manutenzioni nelle scuole; le strade provinciali continueranno a deteriorarsi nell'incuria. I centri dell'impiego ed i servizi di orientamento ridurranno ancora di più le loro attività. Nessuno farà più assistenza amministrativa per i comuni più piccoli, lasciandoli soli davanti al mercato dei servizi intermedi Che comunque non potranno permettersi. E' in questa situazione che la politica depone ogni velleità riformista, e si mette al seguito delle tante curve nord delgi stadi del Paese. Abbasso la cecina, Viva la torta coi bischeri. Che poi siamo tutti noi.

Ultimo aggiornamento : 30-09-2012 21:11

   
Riporta questo articolo sul tuo sito
Stampa
Spedisci a un amico

Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valutazione utenti

   (0 voto)

 


Aggiungi il tuo commento
Nome
E-mail
Titolo  
 
Commento
 
Caratteri rimasti: 600
   Avvisami per email quando saranno inseriti altri commenti
   
   

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.6 DIGO -  © 2007-2019 - visualclinic.fr - Licenza Creative Commons
Distribuito da FIUH.it - Alcuni diritti riservati
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB